Chi sale sul Boat?

"La politica può essere noiosa quando cerca davvero il rispetto delle regole e il pubblico interesse. Ostinati e contrari alla moda della semplificazione, ci opponiamo ai superficiali e a chi tratta il bene di tutti come se fosse erba del proprio giardino. Facile fare gli splendidi per dimostrarsi meglio di chi c'era prima applicando le norme un tanto al chilo.”

0
€ che girano e non si capisce da chi, a chi, per cosa.

| Una pratica che fa acqua

il pressapochismo politico e i tempi di risposta da narcolettici hanno consentito al gestore del locale di concludere la sua stagione commerciale in tutta tranquillità, alla faccia di chi le regole le rispetta davvero.

Sosteneva George Orwell che tutti gli animali sono uguali. (ma alcuni sono più uguali degli altri).

Ecco, questo è il sentimento che resta dallo studio di questa ingarbugliata pratica.

Giorgia Buscarini, amica e collega di Consiglio, nonché ex assessore al commercio, ha intuito subito che qualcosa non era trasparente come ci si aspetta da un Ente pubblico: da qui nascono i vari atti che hanno dato seguito alla seduta del 30 luglio, in cui non siamo stati i soli a lanciare l’allarme.

Ciò nonostante, silenzio.

Il 6 agosto depositiamo formale interrogazione, firmata Buscarini/Cugini, articolata in 28 domande circostanziate, cui abbiamo fatto seguire vari passaggi negli uffici competenti per farci mostrare le carte dai funzionari e parlare con il Dirigente.

Le irregolarità rilevate sono state diverse, dalla comunicazione inizio lavori, alla presentazione di documenti per eventi con numeri di persone chiaramente sottostimati.

A balzare all’occhio però sono stati alcuni ammonimenti scritti degli uffici, tra i quali “quest’attività, condotta con aspetti che destano perplessità e richiedono approfondimenti, potrebbe danneggiare altre attività commerciali già autorizzate. Da ciò non si esclude che potrebbe scaturire contenzioso da parte di questi ultimi”, oltre a uno strano accordo, non previsto dalla convenzione, che prevedrebbe l’esborso di 10.000 euro l’anno per sei anni, non si capisce bene a quale titolo effettivo.

Si aggiunga l’assenza di firma da parte del dirigente competente in merito alla realizzazione del locale e la presenza invece di un documento firmato dall’Assessore, che non può farlo, per acconsentire la posa di una recinzione.

L’elenco di svarioni di questo pasticciaccio brutto che sarà pure noioso, molto tecnico e per nulla appassionante, ma che dovrebbe interessare parecchio i cittadini, perché si tratta di interesse pubblico, è ancora lungo e in divenire.

Giusto un ultimo esempio per chiedere a chi mi legge se gli/le verrebbe mai in mente di apporre un cartello con scrittoproprietà privata – vietato l’accesso” all’ingresso di un luogo sito su area pubblica in nome di una convenzione che stabilisce: “viene mantenuta la finalità PUBBLICA” e “la suddetta (area) potrà essere recintata dal concessionario, purché ACCESSIBILE durante le ore del giorno”.

Beh, davanti al Boat quel cartello fa bella mostra di sé.

A fronte di tutto questo e altro ancora, a noi è toccato invece leggere basiti una nota piccata in cui l’amministrazione comunale si attribuisce “totale e piena estraneità”, non solo lanciando la palla agli uffici, ma addirittura informando che è stato attivato l’ufficio legale per valutare azioni nei confronti di alcuni consiglieri di minoranza (chissà chi!), che si sono azzardati a svolgere il compito ispettivo che la legge riserva loro.

A questo punto è chiaro, dal nervosismo che traspare, che il Sindaco ha preso atto di trovarsi tra le mani un vero e proprio “regò”, così come par di capire non sappia quali pesci pigliare per uscirne.

Sorge il dubbio che a presentare in conferenza stampa la bella iniziativa, il 25 luglio scorso, siano andati i sosia di Patrizia Barbieri e Filiberto Putzu, che parevano invece ben consci di quanto stavano illustrando, così come tendiamo a credere che sempre i sosia abbiano partecipato alla conferenza dei servizi del 31 luglio, con l’assessore Mancioppi, in cui, tra le altre cose, è emerso un parere legale che farebbero meglio a rileggere.

Forse, prima di attivare l’avvocatura per risibili azioni ritorsive, converrebbe chiedere alla stessa un aiuto nel ripasso degli atti e della convenzione: sarebbero soldi pubblici certamente meglio spesi.

Una giunta pronta allo scaricabarile preventivo su una vicenda che riguarda il territorio che governa e sulla quale da un mese c’è chi rileva qualcosa che non va per il verso giusto, sfiora il paradosso.

A nostra insaputa” è un alibi che non regge più.

Il comune ha agito la funzione di controllo che gli compete rispetto a una convenzione che lo stesso ha istruito? Ecco l’unico vero nocciolo della questione, da cui la politica non può dirsi estranea.

Se prima di minacciare le vie legali avessero la bontà di dirci se la pratica è corretta, se tutte le autorizzazioni ci sono, se la convenzione è rispettata, rispondendo all’interrogazione, avrebbero in cambio tutta la nostra gratitudine.

Poi, dopo, agiscano pure come ritengono: per noi vale il principio del “male non fare, paura non avere.

Confidiamo, anche per loro.

Aggiornamento 11/9

clicca sulla cartella in fondo al post per leggere la mozione di sfiducia

Aggiornamento 12/9

Aggiornamento 13/9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *