partecipazionesocietà

ASILI NIDO. Basta a un coordinamento pedagogico solo per addetti ai lavori

Pubblicato il
Non amo i radicalismi, ma altrettanto fuggo dalle forme indefinite che inglobano tutto e il suo contrario.- Stefano Cugini

freepik bambiniIl coordinamento pedagogico territoriale di Piacenza (CPT), la rete che riunisce i coordinatori pedagogici dei servizi educativi zero-tre anni comunali, in convenzione e privati di tutta la provincia, passerà presto in capo al Comune capoluogo, che subentra alla Provincia quale riferimento gestionale.

Credo molto nell’importanza di questa squadra di esperti, chiamata a interrogarsi sulla qualità dei servizi educativi offerti ai nostri bambini. Per questo è mia ferma intenzione assumere il ruolo con il giusto protagonismo e l’abituale impegno.

Oggi ho incontrato i componenti del CPT, proponendo loro un percorso che li faccia uscire dalla riserva agli addetti ai lavori, per arrivare più direttamente ai cittadini e alle famiglie: farsi conoscere, far capire quanto è importante il loro lavoro, rendere evidente una volta per tutte cosa è l’integrazione del servizio tra pubblico e privato in territori virtuosi come il nostro.

Quando si parla di nidi è ancora troppo alto il rischio di ingessare discorsi e progettualità con impostazioni ideologiche che hanno perso senso, lasciando i genitori in balia di chi alza più la voce o dell’apprensione per alcuni fatti di cronaca (nazionale) che purtroppo salgono alla ribalta con una certa frequenza.

Urge momento di confronto con la città: partecipato, trasparente, informale, trattato con linguaggio semplice, numeri oggettivi ed esempi pratici. Per me è così che si costruisce fiducia.

 

Ti interessa saperne di più? Iscriviti alla NEWSLETTER settimanale.

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *