bilancioedicolatempi bui

Diritti di serie B


Bilancio negativo

"Dall'amministrazione è arrivata l'ennesima conferma che non passa nemmeno per la testa l'idea di rappresentare tutti i cittadini in modo uguale”

| Purtroppo non è una dimenticanza

Non che da una giunta che tra i suoi primi atti è uscita dalla rete antidiscriminazione ci si potesse aspettare altro, ma non trovare mezza riga in un intero bilancio dedicata alla questione fa male e fa pensare.

Sabato 30 marzo a Verona si è tenuto il Congresso Mondiale delle Famiglie, tra feti di gomma regalati come gadget e teorie strampalate che col concetto di scentificità c’entrano come una pallina di gelato alla crema nella mostarda.

Sabato 30 marzo, a Verona, c’è stata pure la spontanea chiamata a raccolta di decine di migliaia di persone che hanno scelto di manifestare tutto il loro dissenso all’integralismo delle visioni proposte dagli organizzatori.

Sabato 30 marzo è stato però anche il giorno in cui a Piacenza, alle 3 di mattino, si è votato il bilancio della città. A quasi nessuno frega alcunché di un passaggio noioso e lunghissimo, nonostante sia proprio da questa formalità che dipendono le opere che saranno o non saranno realizzate per il bene pubblico, la visione da cui tutto deriverà: in una parola, la vita futura della città. Non esattamente un dettaglio irrilevante.

Anti-discriminazione cosa?

Giusto per stare in tema, è bene si sappia che

non una riga nei documenti – men che meno un euro nel bilancio – sono stati dedicati al contrasto alle diverse forme di discriminazione.

In buona sostanza, dall’amministrazione è arrivata l’ennesima conferma che non passa nemmeno per la testa l’idea di rappresentare tutti i cittadini.

Serie A a destra, vale a dire quelli che la pensano come la parte che ha vinto; serie B tutt’intorno, ossia i tanti cittadini che, per scelta o per condizione, sentono di non godere degli stessi diritti degli altri.

D’altronde non è la prima volta che la nostra città, sotto la guida del centro (poco)-destra (molta) si dimostra lontana anni luce dalla questione.

Per fortuna la gente ultimamente sta dimostrando di non essere più disposta a subire in silenzio l’arroganza di chi sorvola sui diritti.

Speriamo che anche a Piacenza si trovino forze e occasioni per dare voce a chi ne ha meno e riportare contenuti e visibilità a questioni ora messe in un angolo.

Per quanto mi riguarda, c’ero prima, ci sono adesso, ci sarò anche in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *