Noi dobbiamo essere quelli che girano tra la gente, tendono le mani, lanciano messaggi, mostrano volti, propongono esempi. Partigiani dell’azione civile in un mondo con poca memoria, che prova ostinato a ripetere errori passati. ‪”Mai piú‬” o si costruisce giorno per giorno, o resta uno slogan che sa di muffa e ipocrisia.- Stefano Cugini

manca il quorum

Poche storie: se si rischia di mandare in fumo quasi mezzo milione di € che deve sostenere attività lavorative per persone disabili e fragili, la vergogna é di tutti, maggioranza e minoranza.

Se qualcuno fa distinguo sulle colpe, puntando il dito su altri, ancora non ha capito fino in fondo la differenza tra fare gli interessi di parte e il bene comune.

Ci sono momenti e argomenti che si prestano, ma non possono essere quelli che riguardano la disabilità. Vergogna, di cui mi faccio carico per primo, dato che appartengo a questa classe politica e che evidentemente, nel mio intervento, non ho fatto capire a sufficienza l’importanza di quello che si stava votando. Mai dare nulla per scontato.

Io vorrei che, per una volta, per crescita collettiva in termini di educazione civica e livello morale, si capisse quando non ha senso parlare di singoli partiti o schieramenti politici, di maggioranza e opposizione.

100 persone fragili e/o disabili. 100 facce, 100 nomi e cognomi. 460.000€ destinati a loro e la politica senza batter ciglio disponibile a berseli tra superficialità e dispetto di parte.

È stato un pessimo momento, dalla cui responsabilità nessuno di quelli che siedono in Consiglio, io per primo, può ritenersi esente. Speriamo di recuperare questa stupidaggine. Amministrare è esercizio diverso dal fare contrapposizione politica.

O al primo posto mettiamo l’interesse vero di chi ha bisogno, o è meglio andare a casa. Per me un politico oggi, se non è utile, è dannoso.

Ti interessa saperne di più? Iscriviti alla NEWSLETTER.

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *