È inutile stabilire se Zenobia sia da classificare tra le città felici o tra quelle infelici. Non è in queste due specie che ha senso dividere le città, ma in altre due: quelle che continuano attraverso gli anni e le mutazioni a dare la loro forma ai desideri e quelle in cui i desideri o riescono a cancellare la città o ne sono cancellati.- Italo Calvino

discriminazioneBel momento, parole importanti. Ora però guardo al dopo, a quando sarà finito il tempo delle (giuste) manifestazioni di solidarietà, al ripristino della quotidianità.Allora spero in nuove occasioni per approfondire, specie con i giovani, la conoscenza reciproca, per confrontarci sui molti temi che uniscono e su quelli che segnano differenze.

Tutti siamo scioccati dalla cronaca ma qual è il senso ultimo di pretendere continue prese di distanza dal fanatismo in capo a chi si muove, qui da noi, alla luce del sole.

In quanti piacentini conoscono la storia e le attività della centro?

Spero sia l’alba di nuove relazioni, dei molti “perché”. Il male si contrasta con il sapere e il rispetto reciproci, regole da seguire e ponti da costruire. Tutto il resto è oscurantismo dettato dalla paura e dall’ignoranza.

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *