Prendendo a prestito l’immagine dal pugilato, in poche ore a Piacenza un “uno-dueda far tremare le ginocchia. Prima l’assessore Zandonella che non esclude le “riserve del culto“, lontane dalle zone residenziali per non disturbare i piacentini, poi la buffonata di Casa Pound, con i suoi striscioni in giro per la città a suon di “basta feccia” e “stop al business dell’immigrazione“.

Questo è il segno dei tempi e tocca a noi, scelti per essere minoranza all’opposizione, non far venire meno l’allarme rispetto a una china che si fa sempre più preoccupante e potenzialmente pericolosa.

Fedeli alla nostra missione, denunciamo e consigliamo, con un paio di sommessi suggerimenti:

  • al neo assessore di fresca nomina, per una pronta presa di coscienza del profilo istituzionale che il suo ruolo impone e una migliore scelta delle parole. Bene il richiamo al rispetto delle regole, ma i comportamenti per essere davvero fastidiosi e perseguibili, devono disturbare tutti, su un piano oggettivo, non solo una categoria (siano essi i piacentini, i biondi con gli occhi azzurri o i battezzati alla fonte del Po). Senza questa premessa, si rischia di passare per chi vuol creare ghetti. Questa volta l’assessore ci è andato pesante, paventandoli non solo culturali ma pure fisici. La caduta è fragorosa ma siamo certi saprà farne tesoro.
  • Ai neo fascisti di consolidata tradizione, domandiamo invece dove erano e cosa hanno fatto quando la precedente amministrazione era in prima linea con la Prefettura, mandava i controlli sanitari nelle strutture, portava gli esposti in Procura, girava per consolati stranieri. Da loro e dalla Lega solo parole di scherno. Qualora in un barlume di senso pratico voleste una volta tanto prendere esempio e utilizzare gli strumenti che la democrazia vi mette a disposizione per copiare queste iniziative, anzichè imbrattare muri nottetempo, potremmo persino darvi qualche dritta.

Noi ci siamo, osserviamo e non mancheremo di far sentire la nostra voce, perché sottovalutare i sintomi rischia poi di rendere inutili i tentativi di cura. Oggi ci sono ovunque fiamme disposte a farsi alimentare da questo vento discriminatorio ma confidiamo nella grande sensibilità dei piacentini, che sapranno riconoscere il giusto confine prima di superarlo disgraziatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *