nuovi cittadini

PROFUGHI. Passa la linea di Piacenza

Pubblicato il
È inutile stabilire se Zenobia sia da classificare tra le città felici o tra quelle infelici. Non è in queste due specie che ha senso dividere le città, ma in altre due: quelle che continuano attraverso gli anni e le mutazioni a dare la loro forma ai desideri e quelle in cui i desideri o riescono a cancellare la città o ne sono cancellati.- Italo Calvino

profughi richiedenti asiloLa linea del Comune di Piacenza circa l’accoglienza dei richiedenti asilo, da gestire su scala provinciale pare finalmente passata.

Non saremo chiamati ad affrontare da soli i nuovi arrivi. Oggi costruttiva riunione in Prefettura.

Ricordo che è una finta soluzione quella di dire “non li vogliamo”. Sospendendo un attimo ogni giudizio morale (per me l’accoglienza resta un valore assoluto, riferita a chiunque sia in stato di bisogno), il dato di fatto è che il Governo centrale organizza gli smistamenti e questi ragazzi, in un modo o nell’altro, te li trovi sul territorio.

Dovere dell’amministrazione è presidiare questo territorio a tutela di tutti i suoi abitanti.

Prima tradurremo in atti concreti la necessaria collaborazione tra istituzioni e meglio sarà per tutti.

 

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *