nuovi cittadini

DISCRIMINAZIONE, stragi, e conformismo: un cocktail micidiale

Pubblicato il
In politica vanno di moda quelli che sono “fedelissimi” di qualcun altro (che poi il “qualcun altro” cambi nel tempo è discorso a parte); io invece sono fedele ai valori che mi ha trasmesso la mia famiglia e alle idee che mi sono formato crescendo. E sono leale con chi è coerente nell’interpretare queste idee e questi valori.- Stefano Cugini

discriminazioneFinocchi, negri, clandestini, terroristi, accattoni, galeotti, puttane, zingari.

Ci sentiamo dei leoni a stampare grezze etichette sulle altrui esistenze. Solchi da scavare, dita da puntare, affinità da spartire con chi vomita odio e (pre)giudizi.

É così facile. Liberatorio ed esorcizzante. E mortale. 50 vittime e 53 feriti in queste ore a Orlando. Siamo indulgenti su tutto fuorché sulla diversità e il bisogno, che infastidiscono le nostre poche certezze sotto-borghesi.

Bolliamo di buonismo la complessità, l’educazione, il piacere del confronto, e i limiti saltano. Tanto son solo parole, tanto il Mein Kampf é solo un monito, Trump é una macchietta, gli hooligans son ragazzi.

E noi, che cerchiamo sicurezza isolandoci, perdiamo in libertà ogni giorno di più.

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *