curiosità, partecipazione, risultati
ALLOGGI ACCESSIBILI. Lo sai quanta cura mettiamo per abbattere le barriere?
È inutile stabilire se Zenobia sia da classificare tra le città felici o tra quelle infelici. Non è in queste due specie che ha senso dividere le città, ma in altre due: quelle che continuano attraverso gli anni e le mutazioni a dare la loro forma ai desideri e quelle in cui i desideri o riescono a cancellare la città o ne sono cancellati.- Italo Calvino

criba Piacenza. Alloggi accessibili, altri 10 appartamenti ‪#‎Erp‬ in arrivo.

Le nuove ‪#casepopolari‬ le costruiamo insieme alle associazioni e ai cittadini ‪#‎disabili‬.

Senza barriere, per una nuova cultura dell’azione amministrativa.

Prosegue l’attività del Comune di Piacenza e di Acer, per mettere a disposizione dei cittadini con disabilità alcuni alloggi di edilizia residenziale pubblica. Il percorso di confronto è stato avviato a maggio 2015 e dopo un anno di lavori vede oggi la consegna di tre appartamenti in via Capra.

L’Ufficio abitazioni e il Caad (Centro per l’adattamento dell’ambiente domestico) del Comune di Piacenza hanno attivato una collaborazione con Acer e con il Criba (Centro regionale di informazione sul benessere ambientale) per definire la tipologia di ristrutturazione necessaria in alcuni appartamenti: attraverso successive fasi di confronto è stata così elaborata una proposta progettuale, sottoposta all’attenzione del Comitato consultivo misto per il benessere ambientale, istituito su proposta dell’assessorato al Nuovo welfare.

Si vuole così puntare su una nuova filosofia progettuale, per poter avere, partendo da progetti flessibili, appartamenti adatti a una pluralità di affittuari, con differenti tipi di disabilità.

  • I sopralluoghi. Il CCMBA, a cui partecipano le associazioni rappresentative del mondo della disabilità, i tecnici Acer e gli operatori del Comune di Piacenza (Centro per l’adattamento dell’ambiente domestico e Ufficio abitazioni) ha elaborato alcune indicazioni utili alla ristrutturazione: nello scorso gennaio grazie alla preziosa collaborazione dell‘associazione Para-Tetraplegici di Piacenza era stato possibile effettuare alcune simulazioni di azioni quotidiane compiute dalle persone con disabilità presso uno degli appartamenti già ristrutturati in via San Sepolcro.
  • Il percorso formativo. Grazie alla collaborazione del Comune di Piacenza è iniziato nello scorso novembre anche un percorso formativo per i tecnici di Acer, a cui hanno partecipato in veste di docenti gli esperti del Criba, per fornire alcuni elementi sul benessere ambientale e la disabilità, per spiegare l’evoluzione della normativa sulle barriere architettoniche sottolineando l’influenza del contesto abitativo nei casi di demenza senile e di disabilità sensoriali.
  • I prossimi appuntamenti. La collaborazione avviata tra Comune di Piacenza e Acer, alla sua conclusione, vedrà una ventina di alloggi del patrimonio di edilizia pubblica resi accessibili alle persone con disabilità, dieci dei quali già ristrutturati nel corso del 2015, tra i quali, oltre ai tre inaugurati oggi, anche tre nel quartiere di San Sepolcro, due in via XXI aprile e due a Barriera Roma. Gli ultimi dieci appartamenti da riadattare sono inclusi nei palazzi di Barriera Farnese in viale Patrioti.

criba1

criba2 criba3 criba4 criba5

 

 

 

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

curiosità, partecipazione, risultati
CASE POPOLARI. Lo sai che la guerra alle barriere architettoniche la facciamo insieme ai piacentini?
Noi dobbiamo essere quelli che girano tra la gente, tendono le mani, lanciano messaggi, mostrano volti, propongono esempi. Partigiani dell’azione civile in un mondo con poca memoria, che prova ostinato a ripetere errori passati. ‪”Mai piú‬” o si costruisce giorno per giorno, o resta uno slogan che sa di muffa e ipocrisia.- Stefano Cugini

ccmbaComitato consultivo misto per il benessere ambientale CCMBA: non è solo una nuova sigla, ma un modo diverso e inclusivo per fare sistema e parlare di patrimonio immobiliare pubblico.

D’ora in avanti spazio ai cittadini portatori di disabilità ogni volta che si tratterà di ristrutturare un immobile.

La partecipazione deve essere calata nel concreto, altrimenti resta uno slogan.

Così ho pensato “Porta Galera 3.0″, così mi immagino ACER.

Prossimo passo: CCM (comitati consultivi misti) in ASP. Di sicuro presenterò questa proposta all’Amministratore unico.

Vediamo cosa ne nascerà…

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

risultati
FATTO! Polo informativo sulla disabilità
La politica non si salva con le frasi a effetto, ma con il cuore e la passione di chi sente il privilegio, nei diversi ruoli, di rappresentare una comunità intera. Con la disponibilità di chi coglie il dovere di creare condizioni e occasioni per gli adulti del futuro. Con serietà, piedi per terra e coscienza di cosa vuol dire essere “cittadino”. Chi ama la politica cerca le persone, non le categorie. Chi ama la politica, prova a unire.- Stefano Cugini

informasociale locandinaL’attività di un’amministrazione deve essere, e per fortuna a Piacenza è così, molto più di quello che ogni tanto sale alla ribalta dell’opinione pubblica.

Dico spesso che tutti dovrebbero poter conoscere
il lavoro qualificato e silenzioso che tante persone svolgono ogni giorno nell’Ente per garantire i servizi ai cittadini.

Quantità, ma anche, e soprattutto, qualità. Proprio su questo secondo versante sappiamo che si può sempre migliorare, per stare al passo con le nuove esigenze, con le norme che cambiano e si moltiplicano, con la necessità di ottimizzare le risorse.

La parola d’ordine è “ripensare” e su questo principio ci stiamo muovendo da mesi in ogni ambito di  competenza dell’assessorato, con l’imperativo di mettere sempre più al centro la persona. Il 2015 inizia con un’importante novità sul fronte dell’informazione ai cittadini.

In molti conoscono lo sportello “InformaSociale”, che da ormai 10 anni rappresenta un punto di riferimento per chi si trova in condizioni di disagio. Due gli uffici: uno in Via Taverna 39, l’altro in Via XXIV Maggio 28, presso Acer.

informasociale polo disabilità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Proprio quest’ultimo si è da pochi giorni arricchito di alcune importanti funzioni per poter intercettare e rispondere ai piacentini in cerca di notizie e assistenza in tema di disabilità/invalidità.

Agevolazioni fiscali, trasporti, ausili per portatori di handicap, adeguamento dell’ambiente domestico,…Tutta la consulenza possibile è ora a portata di mano nella nuova sede. Non è una cosa di poco conto: per arrivare a integrare questa attività è stato necessario ridisegnare l’organizzazione degli uffici, ridefinire ruoli e funzioni, predisporre un nuovo bando su presupposti diversi rispetto a quanto ormai consolidato, riuscendo tra l’altro a migliorare le condizioni di assunzione degli operatori.

Visti i tempi, c’è da andarne fieri. Il prossimo passaggio, nella stessa ottica di semplificare la relazione tra Ente e cittadino, sarà il trasferimento dell’ufficio abitazioni e la conseguente creazione dell’URP condiviso con Acer, affinché l’utenza possa trovare in un unico luogo tutte le risposte, senza più dover girare tra sedi diverse.

Stanno partendo i lavori per adeguare gli spazi e confidiamo quanto prima di poter inaugurare anche questo nuovo servizio.

La vera soddisfazione sta nel vedere realizzato il lungo lavoro, oscuro e quotidiano, che ci ha accompagnato fino all’avvio di questo nuovo servizio. Quando le inaugurazioni sono solo la punta dell’iceberg è bello voltarsi e gioire per tutto ciò che sta sotto il pelo dell’acqua.

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]