La mente è stronza, il cervello é debole. Ma c’è un cervello che non sbaglia mai, ce l’hai qua, é il cervello della pancia Così parlò Giuseppe Piero Grillo, detto Beppe. In un amen, il nuovo manifesto si fa verbo, post ideologico con la bava alla bocca, frulla econtinua a leggere

É una mia fissa quella di aspettarmi una certa qualità in politica. Cinque anni fa ho provato per la prima volta quest’esperienza perché convinto di avere qualcosa di mio da aggiungere alla generale voglia di cambiamento. Ci si impegna per migliorare il mondo, in fondo: poco o tanto, quel checontinua a leggere

Buonanotte ai manichei: «governare significa accettare i rischi della giungla giuridica, dei formalismi, della gabbia burocratica italica. Governare espone al rischio della scelta. Impone di entrare in contatto con una realtà che non è solo bianca o nera». Da sempre discuto con chi taglia tutto a metà, con chi ticontinua a leggere

Non amo lo scontro ma trovo riprovevole che non si guardi in faccia niente e nessuno pur di pescare nel torbido, pur di instillare il dubbio che qualche losca trama guidi l’operato di chi amministra. Voler attaccare frontalmente l’attività degli #anziani socialmente utili, ignorando l’importanza sociale del servizio (per chicontinua a leggere

Spettacolo indegno ieri in Consiglo comunale (purtroppo non è il primo). All’ordine del giorno l’istituzione del Registro delle Unioni civili. Tema controverso, ideologicamente polarizzante, inutile perdita di tempo per alcuni, cogente necessità per altri. Che la destra avrebbe alzato le barricate era prevedibile. La veemenza che ha scelto come strategiacontinua a leggere