Smisurato amore. “Amo visceralmente la mia città. Non potrei farne a meno: è l’inizio di ogni viaggio e il suo punto di arrivo, l’origine delle pene e la grande soddisfazione. Non è meglio, più bella, più ricca di altre città. Ma è Piacenza, casa mia” | Città amica La cittàcontinua a leggere

Servono visioni alternative basate sulla legittimazione reciproca, in grado di contrapporsi senza farsi la guerra ma indisponibili a patti di non belligeranza poco nobili. Moderate il giusto per sostenere la propria linea solo in virtù della sua forza intrinseca, pronti ad arricchirla mediando con gli altri punti di vista.continua a leggere

La Festa Nazionale del Terzo Settore organizzata dal Partito Democratico prima, il Festival del Diritto poi. Settembre si preannuncia un mese di grandi appuntamenti a Piacenza, accomunati dal fil rouge tematico della solidarietà. [more…] Intorno a questo concetto di fondo ruotano altre suggestioni, su welfare, partecipazione, sicurezza, cittadinanza attiva, conflitti, su cuicontinua a leggere

Francesco Daveri (Emilio) Nato a Piacenza il 1° gennaio 1903, morto a Gusen il 13 aprile 1945, avvocato, medaglia d’argento al valor militare alla memoria. Di anni 42. Nato a Piacenza il 1º gennaio 1903. Avvocato. Coniugato e padre di 6 figli. Frequenta il Seminario vescovile di Piacenza fino alcontinua a leggere

Si avvicina la data per eccellenza della nostra Repubblica, quel 25 aprile che significa liberazione, fine del giogo nazi-fascista, speranza, futuro. Piacenza ha un posto speciale in questa storia e ricordarne i protagonisti è un dovere, oltreché un regalo per i più giovani. Paolo Belizzi nasce a Quercioli di Podenzanocontinua a leggere

La Resistenza nel piacentino. I primi caduti della guerra di liberazione a Piacenza furono i militari che si opposero, il 9 settembre 1943, all’occupazione della città da parte dei tedeschi.  Anche alcuni civili rimasero coinvolti nel combattimento. Tra settembre e ottobre si diede vita al Comitato di Liberazione Nazionale (C.L.N).continua a leggere