Bon, pure il Sindaco va di fake news. Memoria corta o interessata dimenticanza? Parla di Quartiere Roma abbandonato, quando a smentirla c’è una montagna di iniziative su tutti i fronti.continua a leggere

Soffiare sul fuoco non è mai positivo. Avere l’onore di parlare dai banchi di un consiglio comunale non è la stessa cosa che poter “svaccare” in un bar, nella curva di uno stadio, o in qualche sezione di partito. Per strada e in rete c’è pieno di balordi pronti a fraintendere, che non aspettano altro che sentirsi legittimati da qualcuno e comportarsi di conseguenza. continua a leggere

Luca Zandonella finalmente dopo aver distrutto, ricomincia a costruire, ripristinando la squadra fissa nel quartiere Roma, che aveva ereditato dalla scorsa amministrazione e lasciato smontare dal comandante Vergante per le ormai celebri “scorpionate”.continua a leggere

Una pattuglia fissa ai Giardini Margherita è un arretramento rispetto al nucleo di Polizia Municpale dedicato all’intero quartiere. Chi ambisce a diventare un buon amministratore non può temere di riconoscere se chi lo ha preceduto ha lasciato materiale su cui costruire. Si risparmia tempo e si guadagna in esperienza. Soprattutto se dimostri, dalle prime parole, di non avere le idee ancora troppo chiare. continua a leggere

Tra le 150 proposte dei cittadini, quelle su cui stiamo costruendo tutto il percorso di Porta Galera, ne abbiamo messe insieme alcune molto precise relative alla viabilità del quartiere. In aprile ci eravamo stupiti della grande partecipazione alla serata dedicata alla rielaborazione dei queste proposte, oltre che del generale assensocontinua a leggere

Marian è giovane, nemmeno quarantenne. Comunitario, ma lontano da casa, dove non vuol ritornare, per non sentirsi solo e abbandonato. Marian conosce da troppo tempo la strada, la sporcizia, la malattia. Arriva una mattina di primavera all’ambulatorio Arcangelo Dimaggio, in via Pozzo: è davvero mal ridotto. Da qui in poicontinua a leggere

Il primo aprile 2016, in una calda mattinata, abbiamo inaugurato l’ambulatorio di prossimità intitolato al mai dimenticato Arcangelo Dimaggio. Uno spazio famoso ancora prima di aprire, sorto dove prima c’era un locale che si distingueva per i problemi di ordine pubblico causati nel quartiere e per le peggiori frequentazioni. Uncontinua a leggere