partecipazione, welfare e sanità
I nervi del Direttore

Sotto attacco perché tutelo i soldi pubblici e la qualità dei progetti in carcere. Ebbene si, facendo il proprio lavoro senza guardare in faccia nessuno capita che il “sistema” reagisca.

L’impegno porta al cambiamento e ciò che cambia in qualche modo destabilizza e risulta indigesto a chi vive di status quo.

Nel caso della Dott.ssa Zurlo, questo fastidio ha raggiunto picchi così alti che nel 2016 mi ha segnalato alla Regione Emilia Romagna per “gravi violazioni delle norme” e “illiceità di determinazioni operate in violazione di protocolli e leggi regionali”A tanto è arrivata la Direttrice del carcere di Piacenza, nei miei confronti.

Tutto, dall’inizio ha una sua coerenza. I fatti sono noti agli addetti ai lavori e anche ai piacentini che hanno avuto la pazienza di seguire la cronaca dalla stampa.

La sintesi è presto fatta: essendo il Comune responsabile dell’uso dei fondi pubblici, in questo caso come in tutte le altre iniziative del c.d.”piano di zona“, non accetta approssimazioni, usi poco critici di risorse e risposte non convincenti.

Per rispetto dei cittadini contribuenti e della stessa popolazione reclusa, in questi anni si è chiesta e mai ottenuta, una verifica puntuale delle azioni messe in campo e delle decisioni unilaterali prese su iniziative svolte all’interno della Casa Circondariale.

Le motivazioni che mi hanno portato nel 2016 a decidere per lo spostamento della progettualità principalmente verso le attività di esecuzione penale esterna derivano da numerosi e lunghi colloqui con una controparte che non ha inteso cogliere il senso delle mie parole o forse non ha creduto che a queste sarebbero seguiti i fatti.

Per questo motivo ho detto che le decisioni prese – non unilateralmente ma di concerto con il Comitato – rimarranno tali fintanto che non cambieranno le relazioni istituzionali fra Casa circondariale e Comune di Piacenza, nel senso della più ampia trasparenza e nel vero rispetto dei ruoli.

A proposito della denuncia di un anno fa. Io stesso ho chiesto alla Regione una formale valutazione del caso, con relativa risposta. Le carte parlano da sé e rimettono in asse la realtà, confermando la piena conformità del mio comportamento, che ricordo è agito in nome, per conto e nell’interesse dell’intera comunità.

A questo punto mi sarei aspettato scuse istituzionali da chi ha lanciato accuse così pesanti. Invece è arrivato un nuovo attacco mezzo stampa, con una ricostruzione fantasiosa del contesto, che ha fatto sorridere chi ne conosce le dinamiche.

Nonostante tutto, continuo a pensare che il tempo sia galantuomo e l’importante per me è aver fatto capire che esistono amministratori pubblici che sull’utilizzo dei soldi di tutti sono molto, ma molto, ma molto vigili, con buona pace di quelli che se la prendono per lesa maestà.

Se non tutelo e non interpreto la voce dei cittadini, che ci sto a fare?

partecipazione, società
CARCERE. Messi alla prova, la giustizia di comunità
Amministro come so fare il volontario. Non prometto agli altri meraviglie ma lavoro con gli altri per un mondo migliore. Tutti i giorni. Con l’ottimismo ignorante di chi lo crede possibile se fatto insieme. Avete mai visto un volontario fare promesse? Il volontario coglie un bisogno, si attiva per risolverlo, cerca chi lo può aiutare. Ai proclami preferisco la fatica.- Stefano Cugini

carcere salviaA giugno 2014 SVEP ha attivato il Protocollo d’Intesa Sperimentale insieme all’Ufficio E.P.E. di Reggio Emilia, Parma e Piacenza, in collaborazione con alcune Organizzazioni di Volontariato e con la Camera Penale di Piacenza.

Con la firma del protocollo SVEP ha sottolineato l’importanza di sostenere una nuova idea di giustizia, la cosiddetta Giustizia Ripartiva (Restorative Justice), la quale rappresenta un percorso complesso che richiede un forte coinvolgimento della comunità locale, non solo sul piano tecnico, ma anche su quello culturale.

Ora, a distanza di più di un anno dalla firma del Protocollo, SVEP ha ritenuto di redigere una relazione di sintesi circa l’andamento quantitativo e qualitativo dell’attività prevista all’interno del documento e, in occasione della presentazione dello stessa, ha inteso organizzare un seminario di approfondimento rivolto alle organizzazioni di volontariato, agli avvocati, alle persone in messa alla prova, alla cittadinanza.

Quello che segue è il mio contributo alla pubblicazione:

“Bisognerebbe chiuderli in cella e buttar via la chiave!” Quante volte lo abbiamo sentito dire e, ammettiamolo, quante volte lo abbiamo pensato. Di fronte all’efferatezza di alcune cronache, il pensiero euristico non ha rivali e la lex talionis suona così giusta, specie se condita con benaltrismo abbondante e q.b. di demagogia.

C’è sempre qualcosa di più importante – oggi – cui pensare, piuttosto che a galeotti desiderosi di condizioni trattamentali migliori. Chi sbaglia paga; azione e reazione: ecco la ricetta pronta all’uso, in una società allergica alla complessità dei sistemi e degli ambienti. In barba a un certo buonismo dedito alle cause perse, sordo con gli onesti, oltraggioso verso le vittime.

Con queste premesse, parlare oggi di giustizia riparativa e di contestualizzazione dell’universo carcere nel tessuto sociale di un territorio è tanto contro-intuitivo quanto doveroso. Spostare l’oggetto dell’intervento, dal colpevole al danno prodotto, per esorcizzarne gli effetti, è una prova che solo una collettività matura può sperare di superare nel suo stesso, primario, interesse.

Da amministratore m’impegno molto a trasmettere l’importanza dell’agire condiviso, conscio che troppa autoreferenzialità, a più livelli, ci ha portato a perdere di vista i veri obiettivi, tra i quali diffondere cultura del vivere insieme, valori morali, educazione civica. Senza scomodare il “pensiero laterale”, i bisogni si leggono meglio se si ragiona in prospettiva, se si guarda avanti, oltre l’ovvio. Altrimenti è solo piccolo cabotaggio. In questo caso, foss’anche per mero calcolo e sospendendo sensibilità più alte, è piuttosto semplice cogliere non solo i costi, ma i ricavi sociali di modelli mirati al reinserimento e all’analisi critica del male fatto.

Non si può certo dire lo stesso per la “linea dura”, dove isolamento e repressione limitano i loro effetti alla contingenza di un periodo, restituendo poi soggetti ancora più emarginati e inclini alla recidiva. Eppure chi sostiene l’inasprimento delle pene in nome di una “tolleranza zero” nei fatti impraticabile, ha gioco facile sul sentire comune.

La tendenza a generalizzare che caratterizza questi tempi grami livella tutto e anche chi si è macchiato di colpe minori, ma ha in sé spazi di riscatto, per molti non merita sorte diversa dal criminale più incallito. Curiosa (e autolesionista) questa brama di infierire su chi, presto o tardi, sarà chiamato a un nuovo confronto con la società. Si tratta di un ritorno alla vita che va preparato con azioni mirate dentro il carcere e fuori dalle mura: occorrono sinergie, iniziative coordinate che accompagnino le persone a capire e volersi rimettere in carreggiata. Serve una semina, che parte dal garantire il rispetto della dignità e dell’umanità, il riempimento del tempo e degli spazi con attività motivanti, laddove il CPT indica come linea prioritaria “assicurare che i detenuti negli istituti di custodia cautelare possano trascorrere una ragionevole parte della giornata – 8 ore o più – fuori dalla cella”.

Nulla di tutto ciò è scontato. Anzi, si tratta di uno schema che impone un salto culturale non banale. È impellente quindi un coro di voci pronte a farsi eco; soggetti che si assumono responsabilità, votati a trasmettere ai cittadini le ragioni per cui è dannoso considerare quella carceraria una dimensione avulsa dal resto e antieconomico immaginare che la soluzione stia nel costruire nuove strutture.

Attraverso l’attività extra muraria, le persone possono essere coinvolte in opere gratuite di pubblico interesse, mentre i giovani che hanno abusato di alcol o psicotropi, la grande maggioranza dei “messi alla prova”, hanno l’occasione di espiare la pena senza entrare in contatto diretto con la detenzione vera e propria, (esperienza che può cambiare pericolosamente la vita).

Queste peculiarità rendono l’esecuzione penale esterna la metà di sfida più avvincente. Il nuovo corso, dentro le carceri, dipende solo – purtroppo – dalla lungimiranza delle singole direzioni e non può, se non in presenza di un volontariato particolarmente autonomo, critico e propositivo, essere influenzato dai cittadini.

Al contrario, tutte le azioni proiettate verso l’esterno vivono proprio sul coinvolgimento diffuso, trasformandosi in straordinarie occasioni di presa di coscienza e crescita collettiva, cui le amministrazioni, il terzo settore, i corpi intermedi sono chiamati a dedicarsi con la diligenza del “buon padre di famiglia”.

Far maturare una comunità e renderla strutturalmente più coesa e sicura non passa quasi mai dalle soluzioni semplici e più popolari: ciò nondimeno, una volta colte, le opportunità sono destinate a moltiplicarsi.

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

società
CARCERE. A Piacenza il più alto numero di “messi alla prova”
Noi dobbiamo essere quelli che girano tra la gente, tendono le mani, lanciano messaggi, mostrano volti, propongono esempi. Partigiani dell’azione civile in un mondo con poca memoria, che prova ostinato a ripetere errori passati. ‪”Mai piú‬” o si costruisce giorno per giorno, o resta uno slogan che sa di muffa e ipocrisia.- Stefano Cugini

carcereCarcere, oggi in sala consiglio riunione del clepa (Comitato locale esecuzione penale adulti).

La rappresentante dell’UEPE (Ufficio Esecuzione Penale Esterna) ha fatto i complimenti a #piacenza, una delle città della Regione Emilia-Romagna con il più alto numero di soggetti #messiallaprova.

La messa alla prova è una scommessa molto importante, che si rivolge soprattutto a una fascia giovane di persone, cercando di prevenire il radicarsi e il ripetersi di comportamenti deviati”.

Con la sospensione del procedimento, l’imputato viene affidato all’ufficio di esecuzione penale esterna (UEPE) per lo svolgimento di un programma di trattamento che preveda come attività obbligatorie:

 

 

  • l’esecuzione del lavoro di pubblica utilità, consistente in una prestazione gratuita in favore della collettività;
  • l’attuazione di condotte riparative, volte a eliminare le conseguenze dannose o pericolose derivanti dal reato;
  • il risarcimento del danno cagionato e, ove possibile, l’attività di mediazione con la vittima del reato.

Il programma può prevedere l’osservanza di una serie di obblighi relativi alla dimora, alla libertà di movimento e al divieto di frequentare determinati locali, oltre a quelli essenziali al reinserimento dell’imputato e relativi ai rapporti con l’ufficio di esecuzione penale esterna e con eventuali strutture sanitarie specialistiche.

Al termine del periodo fissato, il giudice valuta in udienza l’esito della prova e, in caso positivo, dichiara l’estinzione del reato. (dal sito del Ministero della Giustizia).

Noi ci crediamo, per noi il carcere deve essere rieducazione e reinserimento.

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]

partecipazione
CARCERE. Primo incontro con la Direttrice e grande sintonia
 
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società- Art. 4 Costituzione

Utilissimo incontro con il Direttore del Carcere delle Novate, Dott.ssa Caterina Zurlo. Gettate le basi per consolidare la sinergia tra Comune e Istituto penitenziario.

Grande sintonia riguardo:

  • protocollo d’intesa sull’umanizzazione della pena come riferimento imprescindibile;
  • Comitato locale rivisto e snellito, per essere convocato con periodicità e diventare l’unico tavolo operativo su cui far passare le varie progettualità.
  • affidamento al CSV di Piacenza della rappresentanza del terzo settore al tavolo.
  • creazione di un’equipe di lavoro mista tra nostri educatori e loro, per condividere strumenti, obiettivi, modalità e linguaggio.
  • scuola, formazione lavoro e sport quali temi su cui concentrarsi, oltre a completare alcuni percorsi già avviati come lo sportello anagrafe o l’ottimizzazione dei progetti di accoglienza, di sostegno ai dimittendi e di miglioramento delle condizioni di vita.

Le premesse ci sono tutte, ora al lavoro!

[CONTACT_FORM_TO_EMAIL]